• Pubblicata il:
  • Autore: Frank7213
  • Categoria: Racconti etero
  • Pubblicata il:
  • Autore: Frank7213
  • Categoria: Racconti etero

Diario di una Escort (le Origini)

Mi chiamo Angelica e questa è la storia di come sono diventata una escort
La mia piccola Smart blu elettrico sfrecciava solitaria sulla statale buia. Sfregai le cosce nude una contro l’altra, cercando di abituarmi a quel vestitino nero che la mia amica Cinzia mi aveva convinto a comprarmi. Non era nel mio stile. Io avrei preferito qualcosa di più sobrio, ma lei era stata irremovibile. Si vedeva che le piaceva vedermelo addosso e non mi stupiva. Cinzia non era lesbica, più che altro bisex a tratti. Stasera avrei dovuto rimorchiare, volente o nolente. Sul sedile del passeggero c’erano gli stivali, i miei preferiti: un paio neri scamosciati, con un bel tacco 12, che arrivavano fino al ginocchio. Non volevo rovinarli guidando e in fondo non era così difficile guidare a piedi nudi. Una spia sul cruscotto cominciò a lampeggiare attirando la mia attenzione: ero in riserva. Dannazione, era già così tardi. Cinzia mi avrebbe ammazzato di sicuro.



Più avanti vidi la segnalazione di un’area di servizio e misi la freccia. La stazione era deserta e malamente illuminata ma vi entrai senza esitazione. Indossai in fretta gli stivali e scesi dalla macchina con la mia pochette. Estrassi il portafogli e mi avvicinai alla cassa automatica. Non avevo contanti, sarei dovuta passare a prelevare appena arrivata in città. Estraggo la mia carta prepagata e la infilo nell’apposito vano. Dopo qualche secondo la cassa me la sputa fuori con la scritta “carta sconosciuta”. –Stai scherzando…- la rinfilo dentro ma nulla, non c’è niente da fare. Mi passo una mano fra i miei capelli castani, scoraggiata –e ora che faccio…- La macchina fino in città non ci sarebbe mai arrivata. Prendo il cellulare e chiamo Cinzia, camminando nel parcheggio semibuio. Niente, suona a vuoto. Probabilmente è già entrata nel locale e non lo sente. Compongo il numero di papà pronta a una strigliata delle sue. Già non voleva che andassi a questa festa, ora che avesse scoperto che ero rimasta a piedi avrebbe cominciato un’altra volta “una ragazzina di appena diciannove anni non dovrebbe uscire da sola…. Eccetera eccetera eccetera…”. Il telefono squilla –e dai papà rispondi…-. -Segreteria telefonica…- -e ti pareva…-. Sono sempre più frustrata. Lo chiamo di nuovo ma ottengo lo stesso risultato. Mentre sono lì a lambiccarmi il cervello noto che un paio di macchine hanno rallentato per poi proseguire ma non ci faccio troppo caso tanto sono concentrata sul mio problema. Riprovo a chiamare entrambi. Niente. Fantastico, sono bloccata qui. In quel momento passa un’altra macchina. Rallenta. Ha un attimo di esitazione ma poi entra nell’area di servizio. Penso che sterzi per andare verso le pompe di benzina ma invece si ferma a pochi metri da me. Rimango immobile e sorpresa. Dopo qualche istante il finestrino si abbassa e vedo al suo interno un ragazzo giovane, probabilmente più grande di me di qualche anno. Mi avvicino dubbiosa mentre lui mi scruta da capo a piedi. Mi piego in avanti per guardarlo attraverso il finestrino. –ciao bellissima, quanto prendi?- -come scusa?- -sto per mandarlo a fare in culo quando mi ricordo della mia particolare situazione. . Mi guarda stranito –sì insomma per scoparti quanto vuoi?- Il cuore comincia a battermi forte. Ho paura, ma sento anche un fuoco divampare nel mio ventre. La situazione mi sta eccitando da morire, ma continuo ad essere indecisa. ci sto, avanti sali-. E ora che cazzo faccio? Non posso certo tirarmi indietro a questo punto… guardo il cellulare che ho in mano pensando di chiedere aiuto ma chi chiamo che tanto nessuno risponde… Ho la fighetta bagnata ed eccitata e questo mi spaventa ancora di più del tipo in macchina. Mi sta piacendo… l’essere trattata da puttana… … Con mano tremante afferrò la maniglia della portiera. Ho preso la mia decisione. Il tipo deve anche essere abbastanza benestante dato che può per mettersi un fuoristrada Audi come macchina e quei soldi mi servivano. Mi siedo sul sedile col cuore in gola mentre lui va un po’ più avanti con la macchina in una zona più buia per poi spegnere tutte le luci. Tira tutto indietro il sedile e mi guarda nella penombra con occhi concupiscenti. –avanti puttanella datti da fare…- indicandomi il pacco che si stava gonfiando. Mi sistemo meglio sul sedile e mi protendo verso di lui. Le mie mani si muovono come da sole e io sono sempre più spaventata da questo. In un attimo gli slaccio la cintura, con una mano afferro il bordo superiore dei pantaloni mentre con due dita gli tiro giù la cerniera. Slaccio il bottone e gli apro i pantaloni. Impaziente si abbassa i boxer e estrae il suo cazzo già mezzo duro. Resto un attimo affascinata a guardarglielo. Esito un istante poi lo prendo in mano cominciando a fargli una lenta sega. Mi rendo conto che in fondo non è niente di diverso rispetto a quello che ho fatto in passato. Non era certo la prima volta che mi ritrovavo a fare bocchini ad un ragazzo in una macchina. E in fondo non è neanche così male. In circostanze normali, se questo ci avesse provato con me in discoteca, nel giro di due ore probabilmente mi sarei ritrovata a farmi sbattere contro un muro nei bagni. Non è niente di diverso. Questo mi tranquillizza un po’. Sento il suo cazzo indurirsi nella mia mano mentre continuo a masturbarlo. Lo guardo di sottecchi e vedo che sta gradendo. Con un sorriso forzato gli chiedo in un sussurro –come ti chiami?- Lui mi guarda male e mi risponde –ehi, troietta, non sei qui per fare conversazione ma per sentire quelle tue labbra avvolte intorno al mio cazzo, perciò datti da fare-. Stupida! Non sei la sua ragazza per lui sei solo una puttana. Comportati come tale. Deglutisco incassando l’insulto. D’accordo se era solo una bocca e un paio di chiappe che voleva l’avrei accontentato, anzi gli avrei fatto venire voglia di rifarlo. Mi sposto una ciocca di capelli dietro l’orecchio e mi chino sul suo cazzo, accogliendo il suo glande fra le mie labbra. –ecco così bravissima… l’hai capito finalmente…- Estraggo il suo cazzo dalla bocca e comincio a leccargli la cappella con lenti movimenti circolari, soffermandomi con la lingua sul prepuzio. Scendo a leccargli le palle e a succhiargliele dedicandomici con cura, tanto che quasi gli faccio un succhiotto alla scroto. Lui ansima e geme in balia della mia bocca. Abbandono le sue palle e torno in cima leccandogli il cazzo per tutta la sua lunghezza. Do ancora un paio di leccatine al glande e poi me lo infilo in bocca il più possibile. Comincio un pompino da manuale, succhiando e leccando, mentre lui mi dà il ritmo con una mano sulla mia testa. Non è così male, è profumato e sa di bagnoschiuma. Il puttaniere ha almeno avuto il buongusto di lavarselo prima. Mi sembra di avere un palo di roccia in bocca tanto ce l’ha duro e sento le sue vene pulsare sulle mie labbra. Stava per venire. Ho una voglia di matta di sentirlo esplodere dentro la mia bocca ma eravamo d’accordo anche per una scopata. E io onoro sempre i miei impegni. Un attimo prima che venisse, estraggo il cazzo dalla bocca e lo stringo forte alla base impedendogli di venire. Lui geme forte per il coito interrotto e mi guarda con rabbia. Scongiurata l’esplosione io torno a fargli una sega per tenerlo duro e, con il mio miglior sorriso da puttanella, gli dico –sbaglio o vuoi il servizio completo? Allora datti da fare-. Estrae in fretta di nuovo il portafogli e prende un profilattico. Me lo passa e io senza dire una parola lo scarto e glielo indosso. Mi guarda e mi dice -vai dietro-. Senza dire una parola scendo dalla macchina e apro la portiera posteriore. Lui mi raggiunge e mi fa mettere con la schiena distesa sui sedili. Mi solleva il vestitino e mi sfila le mutandine. Mi apre le gambe e una se la fa passare sulla spalla con la mia coscia a contatto con la sua guancia. Ho la fighetta in fiamme e gocciolante e una voglia matta di farmi scopare. Mi penetra con un colpo secco lasciandomi senza fiato. Poi comincio a gemere più e più volte sotti i suoi colpi sempre più profondi. Lo sento ansimare mentre le sue labbra mi baciano l’interno coscia facendomi eccitare ancora di più. Non resisterà per molto, lo so. L’ho sbocchinato troppo bene prima. Proprio quando credo che stia per venire, estrae il suo cazzo da me e mi costringe a d alzarmi. Mi fa mettere a quattro zampe con la faccia sulla cappelliera della macchina a pochi centimetri dal lunotto posteriore. Sento le sue mani sul culo e sull’anca e mi tira verso di sé cominciando a prendermi da dietro. Sento il suo petto sulla mia schiena e il suo respiro vicino all’orecchio. Mentre continua a sbattermi sento un suo dito che mi stimola il clitoride e l’altra sua mano palparmi le tette da sopra il vestitino. Mi tira giù un spallina e comincia a baciarmi il collo e la spalla. Adesso sono io che non resisto. Sento il fuoco invadermi il ventre, le sue gambe sbattere contro le mie chiappe, le sue mani forti stringere la mia pelle imperlata di sudore e i suoi ansiti vicino al mio orecchio. Vengo. L’orgasmo, nonostante tutto, mi coglie impreparata e io do libero sfogo al mio godimento. –senti come gode la troia…-. Ma anche lui sta per venire. Aumenta il ritmo, sempre più serrato, finché non ansima e geme forte rallentando e inzuppando il profilattico della sua sborra. Rimaniamo fermi e immobili a riprendere fiato poi lo sento sfilarsi da dentro di me e sedersi sul sedile a fianco. Io sono in estasi. Lo guardo togliersi il profilattico e buttarlo fuori dal finestrino. Afferro le mie mutandine e le reindosso. Vedo il suo cazzo nudo ammosciarsi e istintivamente mi chino a leccarglielo, pulirglielo e succhiarglielo. Lo estraggo dalla mia bocca con uno schiocco e lo vedo guardarmi a bocca aperta. Con un sorrisino lo guardo e mi distendo su di lui. –questo lo offre la casa- e gli infilo la lingua in bocca andando a cercare la sua e facendogli sentire le mie labbra gonfie e sporche della sua sborra. Mi stacco da lui e con ultimo sorriso mi congedo e scendo dalla macchina e mi incammino verso la mia. Lo sento aprire la portiera e dire –aspetta… Come ti chiami?-. Io mi fermo un attimo e poi mi giro. –ehi, non sono qui per fare conversazione, giusto?- e senza dire altro torno alla mia macchina.

Vota la storia:




09/03/2015 18:44

cora

Ma caro Piero, ma è mai possibile che per farti un seghino devi commentare stupidamente i racconti? Magari li commenti col fazzolettino in mano dopo esserti pulito. Ma fatti 'sta sega e taci! Oppure devi farlo sapere a tutti per esibizionismo? Ah già, che per saper distinguere la sintassi e gli errori grammaticali, bisogna prima di tutto saperli riconoscere... e poi avere l'umiltà e la consapevolezza della propria ignoranza.

09/03/2015 14:55

piero

Secondo me sei solo un gran ricchione mascherato!!! Anche perche' nell altra storia sei un uomo e qui sei una donna! Anche questa storia comunque e ' patetica e forse anche inventata, chiunque tu sia!!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!