Isa - L'INCONTRO CON TIZIO

PREMESSA: Mi rivolgo a tutti i membri partecipanti di questa sessione, non approvo assolutamente il modo scurrile che adoperate per additare gli eventuali falsi autori delle storie che pubblicano, false o vere, che possano piacere oppure no, si può giudicare ma in modo educato, la mia storia per alcuni sarà vera, per alcuni falsa, piacerà o non piacerà, vi dico solamente una cosa, se troverò commenti inaccettabili, come sono entrata me ne vado subito e tutta la comunità si attacca al …...!
Avete capito bene? Spero di non esser stata troppo diretta. Un ciao e una buona giornata a tutti.

Ciao, mi chiamo Isa, nome inventato per la mi privacy visto considerato che alcuni conoscenti frequentano questo sito, e poiché sono una donna felicemente sposata, vorrei rimanere nell'anonimato. Prima di sposarmi non sono stata per niente una santarellina, siccome mi consideravano una gran gnocca ma soprattutto troia, non mi sono fatta mancare niente, il sesso mi piaceva tantissimo come mi piace ancor oggi, ho avute molte avventure positive e non, e di cazzi ne ho visti e presi una vagonata. Premetto una cosa importantissima, non è che la dessi in giro tanto facilmente, anzi, tutt'altro, facevo la difficile ed andavo solamente con chi mi interessava di più senza fare la preziosa. Eravamo un gruppetto di amiche che ci scambiavamo le informazioni ed a volte anche i maschi per il nostro gusto del divertimento, in modo che avevamo il massimo divertimento con la minima delusione. Eravamo tutte restie ad avere una relazione e se qualcuna incontrava un maschio interessante lo si cercava di condividere, nel bene e nel male. C'era Tizia che gli piaceva quelli dolci e con l'attributo piccolo, c'era Caia che gli piaceva esser trattata brutalmente e con violenza, c'era Sempronia che la dava solamente se erano dei gran “fighi” ma il culetto era sacro, e c'era Isa che ama il deepthroat, il sesso anale e gli piacevano grossi e lunghi, sempre di più, alla ricerca del membro che si vede solamente nei siti porno e che uno si chiede: ”ma dove stanno sti alieni”. Così facendo, quando a qualcuna capitava di incontrare qualche super dotato me lo segnalava ed io facevo altrettanto conoscendo i gusti delle amiche-sorelle. Siamo andate avanti così per molti, molti anni, fino a quando ho incontrato l'uccello, pardon, l'uomo della mia vita che poi è divenuto mio marito e che lo è ancora oggi. Non l'ho mai data via al primo appuntamento, li ho fatti sempre aspettare almeno un giorno per il gusto sadico dell'attesa, poi mi facevo invitare a mangiare, non la piazza o in birreria ma al ristorante e niente scopate in macchina o in posti assurdi, non avevi una casa, allora se mi vuoi scopare paghi l'albergo, ed io, tra cene ed Hotel, non ero a buon prezzo, però si sa, la classe si deve pagare. Col passaparola che ci facevamo, il tipo sapeva quello che gli aspettava e si preparava a priori. Un giorno, mentre ero sul lavoro, mi chiama Sempronia e mi dice di aver conosciuto Tizio, un gran figone, per lei, non palestrato, anzi, anche piuttosto magro ma ben fisicato da madre natura che è stata clemente con lui, alto almeno 1,90 portava il 48 di scarpe e lo sapeva con certezza perché glielo aveva chiesto quando se le era tolte ed aveva notato che barche che erano. Mi disse che lo aveva conosciuto (non posso dirvi dove) in un posto e lo aveva baccagliato perché era un po' in astinenza, inoltre anche se non era proprio il suo tipo era stato gentile, simpatico ed educato. Inoltre mi confidò che ce l'aveva veramente lungo e grosso ed a lei così non piacevano per il semplice fatto che il più delle volte, durante il rapporto, accusava dolori invece che piaceri anche perché a lei piaceva essere scaldata un casino cosa che invece a pochi uomini piace fare, leccare poco o mai ma subito ficcare ed allora qui entrava in gioco Caia, la quale, a volte si faceva scopare ancora dentro l'ascensore prima di entrare in casa. Concluse dicendomi che, mentre gli faceva un pompino, lo aveva tenuto con le due mani e quello che avanzava faceva fatica ad ingoiarlo. Si era lamentato che glielo aveva indolenzito coi denti e nel parlare successivamente, si lamentava che quasi nessuna, fino ad ora conosciuta, gli avesse fatto un pompino coi fiocchi. E qui, ecco l'altruismo di Sempronia nel dirgli che non aveva mai conosciuto una tipa come Isa. Da quel momento era scattato il piano ben collaudato del “passa lo scopa-amico”, dire al tipo di turno che c'era un'amica che poteva baccagliare per il suo quieto divertimento e si cedevano le informazioni essenziali a seconda del caso. Nello specifico, avrebbe dovuto baccagliarmi ed invitarmi a prendere un aperitivo per la conoscenza di rito e poi, se gli sarei stata “interessante” mi avrebbe dovuto invitare a cena e poi a casa. Sapendo in anticipo tutto questo, io non mi sono fatta trovare impreparata anche se in verità non ce n'era bisogno, io sul lavoro sono sempre in tiro, sono la capa della mia attività, mi piace vestire sia elegante sia sportiva ma anche un po' sexy e quest'ultimo valore cambia a seconda delle occasioni. Quella volta misi un paio di jeans attillati a vita bassa, scarpe tacco 10 che mi sopraelevavano ad un'altezza di quasi un metro e ottantotto circa, camicia attillata ed abbottonata con i bottoni che tiravano a causa della mia 5a abbondante e uno slip a filo interdentale nero.
Intorno all'ora di pranzo vedo entrare il tipo descritto da Sempronia che, a dir vero, era belloccio ed interessante (ma io di interessante sapevo quello che aveva), il quale mi si avvicina e mi chiede di fargli vedere alcune cose di suo interesse. Io cercai di accontentarlo ma sembrava non ci fosse il modo di farlo, non andava bene niente, era un “incontentabile” ed io stavo quasi per irritarmi. Seppi dopo che lo aveva fatto apposta perché gli piaceva vedermi girare in lungo ed in largo per ammirarmi e in particolar modo il culo, messo ben in evidenza dai pantaloni attillati che facevano vedere lo slip tutte le volte che mi chinavo. Il tempo era volato e quando vidi le mie collaboratrici andar via, capii che era il momento di chiudere per la pausa pranzo. Nel momento di pagare mi dice di non aver abbastanza contanti appresso e nell'utilizzare il POS il servizio era momentaneamente sospeso. Lui, gentilmente cercava di tranquillizzarmi dal nervoso che mi era venuta e mi propose, il marpione, di andare a prendere i soldi ad un bancomat per pagarmi previa la mia compagnia per fare uno spuntino da qualche parte. Io, siccome ero a conoscenza della sua manovra, accettai quasi subito per la giusta causa e per venire al compimento della cosa, io sapevo ma lui non sapeva che io sapevo (spero di esser stata chiara, al limite rileggetevi un paio di volte il concetto). Lo accompagnai al bancomat perché in zona non ce n'erano ed il più vicino era sito in un corso molto trafficato senza parcheggio e mi offrii come ostaggio per la macchina lasciata in divieto di sosta in doppia fila. Salita sul suo bel SUV siamo andati in banca e poi a pranzo e durante tutto il viaggio, vi confesso che non riuscii a distogliere gli occhi dalla patta dei suoi pantaloni ammirando il rigonfiamento che facevano. Per tutto il periodo del lanch abbiamo parlato di molte cose ed il tempo volò nuovamente, mi riaccompagnò al lavoro e qui la cosa che mi turbò, ma poi scoprii che era tutta una sua manovra, una sua tattica studiata a tavolino in funzione a quello che gli aveva detto la stronza di Sempronia, fu che dopo aver pagato fece il verso di uscire. Rimasi impietrita, un po' spaventata, che avessi sbagliato soggetto ed avevo scambiato una qualsiasi persona come il tipo del “baccaglio”? Arrivò alla porta, fece per aprirla, si fermò per qualche istante, in quel momento feci mille ragionamenti, era lui o non era lui, cazzo la patta dei pantaloni era gonfia, alto era alto, come non poteva essere lui, quando, ad un certo momento, lo vidi girarsi e ritornare sui suoi passi. Mi si avvicinò e con fare gentile ed educato mi chiese un appuntamento per la sera con relativo numero di telefono. Siccome la stronza di Sempronia mi aveva fatto passare come una alla quale piace il gioco facile, lui mi aveva fatto rimanere sulle spine ed io per vendicarmi gli risposi che non uscivo facilmente con i primi venuti e che il mio numero di cellulare non lo davo tanto in giro, un mio numero poteva trovarlo sullo scontrino ed allora scusandosi mi allungò un suo biglietto da visita molto elegante e professionale con stampato il suo numero personale e mi invitò ad accettarlo, cosa che io feci senza farmela dire due volte. Puntuale come un orologio svizzero ricevo una sua chiamata sul lavoro con la quale mi invita, in modo molto educato e gentile, a cena fuori ma io, da gran marpiona, rifiuto con la scusa che quella sera era la sera della palestra e da parte mia avevo un mezzo incontro corpo a corpo con un ragazzo che la frequentava. In palestra seppi che il tromba-amico non era potuto venire e con la “prugna” piena di voglia dopo un'ora ritornai a casa. A casa mi sentii con Sempronia con la quale, molto amichevolmente, come sempre d'altronde, ci siamo scambiate quello che pensavamo una dell'altra per tutte le boiate che aveva fatto sapere di me a Tizio.
Il giorno dopo, nel tardo pomeriggio, Tizio richiama, mi passano la telefonata e nuovamente si fa avanti con l'invito per la sera a cena ed io stavolta, senza fare troppe storie accetto e mi chiese se avevo preferenze sul cibo, io gli dissi di no ma mi sarei affidata al suo buon gusto pensando sotto sotto che sicuramente non mi avrebbe portato in pizzeria anche perché era stato ben istruito da Sempronia. Appuntamento ore 20.20 sotto casa mia e puntualmente lo vidi arrivare alle 20.15 ed aspettare sotto casa. Cazzo, non gli avevo dato il mio cognome e nemmeno il numero del cellulare, come faceva sapere dove e come contattarmi. Lui si era messo in un posto strategico per tenermi sott'occhio quando sarei uscita dal portone per raggiungere la macchina ed io tutta tirata come una donna di gran classe, forse un po' puttana di gran classe ma questo lo lascio giudicare dalle malelingue e dalle gelose di turno, uscii chiudendomi il portone alle spalle. Lui scese da buon gentiluomo, mi venne incontro e notavo che non sapeva più dove mettere gli occhi. Ero vestita con un abitino blu elettrico attillatissimo, senza spacchi ma abbastanza corto, decoltè giusto per coprire il seno senza reggiseno perché non ne avevo bisogno, infatti non capisco quelle donne che si mettono i vestiti un po' osé con la schiena molto scoperta e si vedono le spalline dei reggiseni che, anche se trasparenti, fanno ridere, calze velate con reggicalze coordinato e scarpe decoltè tacco 13 visto che porto il 40 del colore del vestito. Truccata quanto basta per non apparir volgare, borsetta coordinata con braccialetto e collana, senza modestie, mi sentivo “figa”. Dopo gli apprezzamenti da parte sua mi aprì lo sportello e mi fece salire, subito partimmo alla volta del ristorante. Durante il viaggio i soliti discorsi di rito, come sei carina, anche tu non sei niente male, continue occhiate da entrambi le parti sugli “argomenti” preferiti. La cena al ristorante la salto, tanto abbiamo parlato di tutto un po' e ci siamo aperti sul finire, dopo un paio di bottiglie di buon vino bianco fresco, con discorsi un po' “zozzi” del tipo; se avevamo avuto molte esperienze, quante relazioni, rapporti occasionali, il marpione stava sondando il terreno ma non sapeva che tanto io, quella sera, gliela avrei data, ma soprattutto me lo sarei preso abbondantemente. Finimmo abbastanza presto e sarei andata anche a casa a scopare, ma mi invitò, sempre su consiglio di Sempronia ad andare a bere ancora una cosa in qualche locale e mi portò in un piano-bar che non conoscevo dove c'era un'orchestra che suonava di tutto in modo fantastico. Tavolino, consumazione abbastanza alcolica, discorsi da parte mia un po' strani ma dal mio tasso alcolico non potevano esser altrimenti, ballo della mattonella su un pezzo dei Santana che poi è stato il “nostro” ballo, e da qui potei testare la consistenza del suo attributo anche se era a riposo. Ballavamo molto vicini, a causa del mio prorompente seno, il mio corpo aveva un distacco fisiologico dal suo e vedevo, anzi sentivo, che lui con la mano che mi abbracciava, appoggiata sulla schiena cercava di avvicinarmi il bacino verso di lui, e un po' di volte sentii il gonfiore del suo membro sul mio basso ventre quasi sulla passera visto considerato che con i tacchi ero poco più bassa di lui. Gli chiesi, ormai da quasi brilla, se ero stata io ad eccitarlo in quella maniera e lui mi rispose assicurandomi che non era affatto eccitato ma era ancora abbastanza tranquillo ed allora mi chiese se volevo ancora rimanere o se mi avrebbe fatto piacere andare a bere il bicchiere della “staffa” da lui. Era ora, finalmente! Mancava solamente che la mia figa sbrodolasse e mi macchiasse il vestito perché lo slip era già fradicio, andai in bagno e dovetti cambiarlo, io ne porto sempre uno di ricambio, non si sa mai, giusto per le occasioni come queste, tanto sono pochi grammi di stoffa e portano via poco spazio anche se una ha una micro borsetta. Uscimmo dal locale e salimmo in macchina alla volta di casa sua. In quel breve lasso di tempo uscii tutta la porcaggine che avevo in corpo, volevo il suo cazzo ma non volevo farlo in macchina, mi avvicinai a lui e con la mano gli presi l'uccello attraverso i pantaloni che, anche se a riposo, era di notevole dimensione e gli dissi scherzando: “Ma sarai mica frocio che con una figa come me di fianco tutta la sera, non ti è mai venuto duro ed io pensavo invece che fosse stato perennemente in tiro?” Lui rispose: ”Non ti preoccupare, non solo l'occhio vuole la sua parte, ma anche il naso la vuole ed io devo sentire il profumo di fica”. “Ti accontento subito!” gli risposi, e prontamente mi venne un'idea, e non capisco come fece ad arrivarmi causa la poca lucidità del mio cervello, presi dalla borsetta il mio slip a filo interdentale col triangolo fradicio dei miei umori che mi ero tolta pochi minuti fa, glielo infilai in testa, appoggiando la parte umida sul suo naso e gli dissi: ”Ti piace l'odore di questa fica? E' la mia!” e poi subito dopo: “La mia fica te la faccio vedere dopo, intanto gustati questi” e con fare abbastanza aggraziato ma disinvolto, tirai fuori dal vestito, prima un seno e poi l'altro, parevano due meloni, duri come il marmo e con la mano cercai nuovamente il suo cazzo attraverso i pantaloni. Si stava muovendo come un boa che cercava di farsi spazio nel poco che c'era a causa della posizione e sentivo che la “bestia” stava venendo fuori. Per qualche secondo mi preoccupai ma finì presto perché contavo sulle mie abilità e prestazioni da fuoriserie. Arrivammo sotto casa, una bella zona signorile, parcheggiammo un po' distanti per via delle macchine presenti e ci dovemmo ricomporre appena usciti dalla macchina per fare un po' di metri di strada. Rimisi le bocce a suo posto, cercai di tirarmi un po' su le calze e presi la mia borsetta, faceva frescolino, era l'una di notte circa e Tizio , da galantuomo, mi offrì la giacchetta che indossava per coprirmi, lui scese, io anche, mentre chiudevo lo sportello vidi lui, dall'altra parte della macchina, con la porta ancora aperta e la luce interna della macchina accesa che cercava di sistemarsi la bestia, si sbottonò i pantaloni, si prese l'uccello e girandolo verso l'alto per una frazione di secondi uscì dalla patta aperta e lo posizionò verso l'alto tenendolo fermo con la cinta dei pantaloni. A quella vista e col pensiero del “dopo” la mia fica si bagnò nuovamente, nel mentre mi scappò una risata non capita da lui, ma aveva ancora il mio tanga sulla testa ed era meglio che se lo levasse, avesse mai incontrato qualcuno per la strada. Ci affrettammo verso casa, aprì la porta, feci per salire sulle scale ma mi fermò, erano più di 10 piani era l'attico ed era meglio prendere l'ascensore. Appena entrammo ci guardammo negli occhi, scoppiammo a ridere come due bambini che si avevano svelato i propri segreti, ci baciammo appassionatamente per tutto il tempo della salita, arrivati al piano si aprì la porta dell'ascensore dalla parte opposta da dove eravamo entrati ed apparve una porta blindata. Digitò una combinazione su una tastiera e con una chiave speciale aprì la porta. Che dire, “azz, che appartamento”. Appena entrata si accesero delle luci soffuse e Tizio si diresse in sala per prendere qualcosa da bere dal bar, io gli chiesi dov'era il bagno per darmi una sistemata, lui me lo indicò ma mi mise in guardia nel vietarmi assolutamente di lavarmi lì, “ma guarda un po' tu che porco questo qui” pensai ma allora ripensai che ero sulla giusta strada. In bagno feci poche cose, il trucco andava bene, un po' di salviette addosso, sotto le ascelle, sul seno, lavata di mani e collutorio prontamente messo in bella mostra. Uscii e mi avvicinai a lui, stava per andare anche lui in bagno e lo fermai prontamente dicendogli: “Fai quello che devi fare ma anch'io voglio sentire l'odore di uomo e soprattutto quello del cazzo quindi, niente profumi o saponi, intesi?” Lui scherzosamente mi rispose salutandomi con la mano alla fronte battendo i tacchi e dicendomi: ”Sì, signor Generale! Comandi!”. Un minuto dopo ritornò, mi offrì da bere, bevemmo, posammo i bicchieri sul tavolo e ci baciammo come due sanguisughe che non si vogliono staccare. Mi abbassò la cerniera del vestito da gran professionista e fece scivolare verso il basso a fatica il vestito per via che era attillato ma soprattutto fermato dal mio seno prorompente. Mi guardò come se non credesse di avere una cosa così tra le mani, mi prese il seno con una mano e lo baciò molto dolcemente dandomi delle scosse nelle parti basse e facendomi mugugnare dal piacere, poi mi prese di peso e mi posò sul divano, incominciò a baciarmi dolcemente dappertutto, in bocca, sul viso, sul collo, poi giù verso i seni, la pancia, l'ombelico, sul pube perfettamente rasato e morbido come quello di una 14enne, sull'interno coscia e poi a salire verso il paradiso. A questo punto lo fermai perché scattò la parte più porca che c'è in me ed ora ve la spiego. A me non piace vedere il mandrillo di turno, con lo sfollagente in tiro già pronto per l'uso, lo voglio preparare io, me lo voglio gustare poco alla volta, deve sentirsi desiderato ed allora? Se gli facevo leccare la fica, il manganello si sarebbe intostato, quindi l'ho fermato. Lo feci alzare in piedi, io in ginocchio davanti a lui gli slacciai la cintura, sbottonai i pantaloni e andai alla ricerca del mostro. Lo trovai subito, era grosso, un po' “barzotto”, feci calare i pantaloni prima e i boxer dopo e rimase con calzini e camicia. Presi il suo membro e me lo strofinai sul viso, era lungo quasi come la mia testa e non era ancora in tiro, cazzo! Pendeva verso il basso come un grosso batacchio di una campana, lo misi i bocca e partii con tutta la mia arte da grande pompinara che ero diventata. Col glande in bocca coperto dal prepuzio mi feci strada con la lingua e me lo scappellai in bocca senza farlo uscire e Tizio era già sulla buona strada per non capire più niente ma eravamo solamente agli inizi. Lo tenevo in bocca succhiandolo avidamente senza l'ausilio delle mani che si dedicavano ad accarezzare le palle, piano piano lo ingoiavo sempre di più ma si fermava in fondo alla bocca perché non aveva ancora la consistenza giusta per forzare il passaggio della gola ed entrare nell'esofago. Ora ve lo posso confidare, io sono un'estimatrice ed una esperta del “deepthroat”, non mi vengono i conati di vomito ed ho una lunga resistenza nel tenere il respiro poiché sono una brava nuotatrice in apnea. Lo sentivo pulsare e poco a poco ingrossare, lo tenevo avidamente in bocca come se avessi avuto paura che scappasse. Lo guardavo dal basso verso l'alto e lo vedevo incuriosito, quasi capissi cosa lui pensasse, cioè, fino dove io mi sarei spinta e non vedevo l'ora di mostrarglielo. La bestia continuava ad ingrossarsi ma soprattutto ad allungarsi, i cazzi non sono tutti uguali, c'è chi ce l'ha piccolo e quando diventa duro s'allunga più del doppio e c'è invece chi ce l'ha lungo da moscio e quando si intosta diventa poco più lungo ma decisamente spesso. Cominciavo a sentire la sua consistenza più dura ed allora mi divertivo a farlo uscire ed entrare ritmicamente dalla bocca, a volte succhiandolo ed a volte spalancando le fauci come per dimostrargli quanto era grossa la mia bocca. Man mano che i secondi passavano e lui diventava sempre più grosso e lungo cominciava a vincere la gravità stava prendendo la posizione di un ariete che vuole sfondare una porta. Dovevo accelerare i tempi, la mia fica fremeva di voglia ed avevo ancora molto da fare. Facevo fatica a tenerlo in bocca ed in quel momento pensai a Sempronia con la sua boccuccia come fosse riuscita a tenerlo nella sua, lo presi con le due mani e cominciai a segarlo con un movimento avanti ed indietro e rotatorio che io chiamo in tono scherzoso ”Pompa e Girolamo”. Ormai era giunto allo ”azimut”, ed era vero quello che mi disse Sempronia, quando le mie mani si avvicinavano toccando il suo ventre, la porzione di cazzo rimasta non entrava tutta in bocca. Andava lubrificato al massimo, cominciai a sputargli sopra adoperando quanta più saliva riuscissi a produrre, lo guardavo fisso negli occhi e gli chiesi se gli piacesse, domanda del cazzo in quel momento, poi gli dissi: “stai a vedere ora!”. Dopo l'ennesimo abbondante sputo disteso sul sul suo glande afferrai il cazzo con le mani, spalancai la bocca e non chiusi gli occhi perché volevo godermi lo spettacolo del suo stupore, e lo spinsi dentro alla bocca, arrivò alla gola e poi con decisione giù, si fece strada nel poco posto, ma giusto, che aveva a disposizione ed arrivai a toccare con le mani le mie labbra. Mi fermai e ripetetti la manovra diverse volte, sputandoci sopra parecchie volte come piace tanto ai maschi, per loro è una cosa porca, per noi è una esigenza perché se non ti vengono i conati non produci saliva e ti viene a mancare la lubrificazione. Poi bisogna abituare la gola e l'esofago alla dimensione dell'intruso ed il cazzo, se è anche nerboruto, non è liscio come i dildo che si vedono in rete sparire nella gola anche per 50 cm. delle troie esperte in deepthroat. Io un dildo di 40 cm. in jelly, quel silicone trasparente e liscio, non ho problemi ad ingoiarlo tutto ed è argomento, a volte, dei nostri amici che ci vengono a trovare e che vogliono che ripeta sempre la dimostrazione con l'invidia dei maschi e la delusione delle donne che si sentono un po' derise dai loro partner per le loro scarse prestazioni. Ma ora torniamo al mio ingoio, ormai avevo cazzeggiato troppo sulla prima metà del suo arnese ora dovevo passare alla seconda ed arrivare al confine, lo misi in bocca, lo tenevo con una sola mano mentre l'altra avvinghiava la sua natica, con decisione lo spinsi dentro fino a toccare la mano,. Per fortuna la sua leggera curvatura aiutava nel percorso curvo che c'è fra la bocca e l'esofago il cazzo ad andare oltre e mi resi conto che non mi ero mai spinta così fino ad allora ma c'erano ancora i centimetri coperti dalla mano. Lo riguardai fisso negli occhi e a bocca vuota gli dissi: “Non ci credevi vero? Guarda ora!”. Presi un bel respiro, lo ripresi in bocca e giunta alla sua metà portai l'altra mano dietro l'altra natica e tirando me lo spinsi giù fino in fondo, fino a leccargli le palle con la lingua lasciata fuori per una 15ina di secondi interminabili. Poi indietreggiai fino al glande e nuovamente giù per la gola tirandomi con le mani. Ripetetti svariate volte quel meraviglioso pompino profondo e la mia fica stava letteralmente sbrodolando, reclamava il suo cazzo, allora lasciai la presa delle sue natiche, presi le sue mani che erano appoggiate sui suoi fianchi, le portai sulla mia testa e liberando la bocca gli dissi:”Adesso vai avanti tu che io ho da fare!”. Incominciai a masturbarmi con la mano destra strusciandola sul clitoride e infilando più dita che potevo nella fica mentre con l'altra mano mi stritolavo un capezzolo alla volta. Lui mi prese la testa e cominciò a scoparmi la gola come quando uno scopa alla pecorina, sceglieva il suo ritmo, prima lentamente per timore di farmi male perché per lui era la prima volta, poi sempre più freneticamente alternando delle soste in profondità ed allora lì la ciliegina sulla torta, una bella stretta di denti alla base del cazzo che, quando una ce l'ha tutto in gola fino in fondo, manda il vostro compagno al settimo cielo. Non so quanto tempo passò ma erano minuti che non avrei mai voluto finissero però la mia gola stava gridando vendetta. Al momento propizio lo fermai, mi alzi in piedi, misi il suo arnese in mezzo alle cosce, lo baciai leccandolo tutto attorno alla bocca, e gli chiesi: “Adesso scopami, non farmi male e non venirmi dentro”. Lui acconsentì, mi girai di schiena , mi abbassai a 90° ed gli offrii la visione del mio culo con la fica fradicia già aperta che spettava il suo regalo. Lui infilò il glande sulla fessura e sentendo che non c'era nessun rifiuto entrò come un pistone idraulico che non si ferma senza sforzo. Lo sentivo entrare e mi godevo ad uno ad uno tutti i centimetri, che poi scoprii che erano 28, fino a quando lo sentii toccare il fondo dandomi un po' fastidio. Cazzo, tutto non poteva entrare, la mia fica è mica il culo ma questa è un'altra storia, ed allora lo invitai di prendere la misura per non farmi male e darci dentro. Prontamente, ma perché era abituato considerata la misura del suo cazzo, prese da un cassetto li vicino degli anelli in gomma, come delle ciambelle fatte di quel materiale che si fanno i portachiavi galleggianti, se ne infilò tre e cominciò a pomparmi. Cazzo che trovata geniale, erano molto confortevoli, sentivo il suo cazzo andare avanti ed indietro, entrare tutto e fermarsi al contatto degli anelli contro la mia fica, pompava a ritmi diversi, a volte lenti, a volte veloci e a volte si divertiva a tirarlo fuori e rinfilarmelo dandomi un colpo d'ariete che mi avrebbe fatto cadere in avanti se non mi avesse tenuto dai fianchi visto che ero piegata in giù e mi tenevo le caviglie con le mani avendo la testa tra le cosce come una contorsionista, infatti vado in palestra e pratico yoga ancora oggi per tenermi allenata con la muscolatura e le articolazioni. Passarono altri numerosi minuti interminabili ed io era già la 3a volta che venivo quando mi chiese di terminare, allora mi girai, gli offrii il seno e il viso che prontamente mi inondò copiosamente con tanta di quello sperma che poche volte avevo visto spruzzare. Ne avevo dappertutto, quello che colava dal mio “balcone “ me lo sono distribuito su entrambi e seni e la pancia, quello sul viso me lo distesi come una crema di bellezza ed allora gli chiesi: “Ti fa schifo il tu sperma?”. “Non lo so” mi rispose lui ed allora mi avvicinai baciandolo appassionatamente ed alla fine mi disse: “Sì. Mi fa abbastanza schifo, non so come a voi donne possa piacere”, ed io prontamente ribattei: “Come a noi donne, non il mio caso, non piace la nostra sborra che invece a voi maschi vi fa impazzire!”. Mi diressi verso il bagno dandogli la schiena, sapevo che la visione in generale non era niente male, sculettavo camminando sulle mie scarpe tacco 13 ed ogni tanto mi giravo per dargli un'occhiata maliziosa, da vera porca, raccoglievo lo sperma che avevo in corpo e sul viso e con le dita me lo portavo alla bocca succhiandolo avidamente sapendo che agli uomini piace questo. Entrai nella doccia, non avevo ancora iniziato che me lo vedo arrivare di corsa col suo batacchio, ancora un po' barzotto, che pendolava da tutte le parti e facemmo la doccia insieme. Poi ci fu la sua richiesta di fermarmi da lui per la notte prontamente rifiutata perché non mi sono mai fermata la 1a volta a casa del mio scopamico di turno, ognuno a casa propria, amici e niente di più ma da allora non fu più così perché dopo numerose storie con lui, Tizio è diventato il mio marito attuale ed ancora oggi invidiato dalle mie amiche-sorelle che a oggi, ogni tanto ci provano con lui ma non ho ancora capito se fanno sul serio o mi prendono per il culo, in senso metaforico perché in quello fisico ci pensa abbondantemente mio marito. Un grazie a tutti per il tempo concesso nel leggermi.

P.S.: Questa è la prima storia, se vi è piaciuta cercherò di scriverne qualcun'altra e ne avrei tante da raccontare, se volete, come per esempio: il mio primo anale con lui, il suo primo anale da parte mia, i 35 cm di cazzo nel mio culo da uno sconosciuto, varie sessioni BDSM, la scopata più lunga della mia vita ed altre ancora.

Vota la storia:




14/12/2015 11:30

erminio

caz... galattica!!

11/12/2015 00:20

gallo

classica cazzata scritta da una mitomane per i polli che ci credono!!

10/12/2015 20:35

Giorgio75

Bella storia...un po' troppo lunga per i miei gusti, ma raccontato da una vera donna...spero ci racconterai delle tue avventure anche passate di una donna che si gode la vita ed il sesso...

10/12/2015 11:00

mirko

una troia di strada ha piu' dignita' di te!!

08/12/2015 15:23

jonhholmes

magari se riesci a essere un po piu' sintetica nel racconto.....

07/12/2015 15:19

Max

Va bene, spero solo che la prossima volta sia meno prolissa

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!