SCAMBISTI MALDESTRI - parte 1

SCAMBISTI MALDESTRI - parte 1 Mi firmo Sandra, ma è ovvio che non è il mio vero nome. sono una bella donna e Sono la moglie di Scettico63, quello che scritto il racconto "Scambisti: la mia prima esperienza" nel luglio scorso. Dopo la delusione dell'altra volta, lui non ne voleva più sapere, però io ho continuato a tampinarlo. A settembre, abbiamo fatto una settimana di vacanza in Croazia. La seconda sera, con discrezione, ho chiesto alla direttrice dell'hotel se ci fosse in zona un club per scambisti. Parlava anche italiano ed ha risposto di sì, mi ha dato l'indirizzo, però ha aggiunto che era piuttosto costoso. Complici la distanza da casa e le scarse possibilità di incontrare amici o parenti, ho convinto mio marito ad andarci. Era un locale per scambisti molto particolare, dove si pratica solo sesso orale con persone sconosciute che non vedi e non vedrai mai. L'ingresso era davvero molto caro ma, vista l'organizzazione e l'igiene, sembrava valerne la pena (e il pene). Siamo entrati in uno dei 10 camerini privati con bagno. All'interno della porta, c'era un grande cartello con istruzioni e disegni in croato, inglese ed italiano. Le abbiamo lette e ci siamo spogliati completamente. Siamo andati in bagno e, sul bidet, ci siamo lavati accuratamente i genitali con i flaconcini monodose di sapone neutro misto a disinfettante. Su uno scaffale, c'erano i kit monouso che contevano: 2 copripiedi in plastica (tipo ospedale), due preservativi, un sacchetto in nylon dove mettere i vestiti, una "cinturina" in plastica con marsupio richiudibile per riporre i piccoli oggetti (chiavi, denaro, documenti, occhiali, fazzoletti, medicine, caramelle, ecc.), e 2 stick adesivi numerati. Uno andava applicato sul marsupio e l'altro sulla cassetta di deposito. Indossati copripiedi e marsupio, siamo usciti dal camerino, abbiamo depositato i nostri sacchetti in una delle 50 cassette con chiave (tipo ingresso banca) vicino ai camerini, preso la chiave ed attaccato lo stick numerato sullo sportello. Scettico63 era già stufo. Troppi soldi, troppo casino, troppo tempo. Io, invece, ero eccitatissima. Nel corridoio di accesso, un ragazzo ed una ragazza nudi, indicavano ai clienti in quale sala entrare. Maschi da una parte e femmine dall'altra. C'è mancato un pelo che mio marito non scappasse via. Per fortuna, quando quella super-figa lo ha preso per mano accompagnandolo in sala uomini si è calmato. Il giovane uccelluto ha fatto lo stesso con me, portandomi in una sala semibuia con 10 cestini strani, 10 comodi sedili reclinabili ed altrettante donne nude. Ho messo gli occhiali per osservarle. Stavano in piedi, sedute, alcune in evidente imbarazzo. Altre invece chiacchieravano, bevevano il drink alcolico offerto dal locale, o ne prendevano un secondo pagandolo al bar. Le due sale erano separate soltanto da una sottilissima parete nera in neoprene, con 10 separè da una parte ed altrettanti dall'altra. 10 ampi fori rettangolari a circa 80 cm dal pavimento, e 20 buchi circolari più piccoli e distanziati, un po' più in alto. Le istruzioni erano chiare: i buchi circolari in alto servivano per inserire le gambe della femmina che, comodamente sdraiata, avrebbe ricevuto una bella leccata di fica. Quelli in basso, per inserire il pene e lo scroto del maschio che, subito dopo, avrebbe ricevuto un pompino da lei. Dall'altoparlante, una voce spiegava, sorteggiava ed accoppiava i numeri, dicendoli nelle varie lingue. Sembrava di giocare a tombola. - "Ricordo a tutti che è assolutamente vietato parlare. Il maschio comincia e cerca di far godere la femmina. Ha 15 minuti di tempo. Quando si accende la luce rossa, tocca a lei fare altrettanto nello stesso tempo. La luce blu significa che l'incontro è terminato e dovete liberare il posto per gli altri clienti. Buon orgasmo! Numeri 6 e 16... accomodatevi. Numeri 2 e 18... accomodatevi. Numeri 7 e 13... accomodatevi." E così via per i 10 accoppiamenti sorteggiati. CONTINUA

Vota la storia:




Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!