Trans, che ossessione

Da mesi ormai leggevo tutti gli annunci sui vari siti delle trans della mia zona; le donne mi piacciono sempre, ma ormai penso di poter dire di conoscerle abbastanza.. Quindi mi incuriosiva questo mondo di ragazze con le tette e l'uccello..
Leggevo gli annunci, le chiamavo, mi facevo dire un po di cose, le facevo qualche domanda, così giusto per sentire la loro voce, e poi però puntualmente non ci andavo mai..
Un giorno vedo l'annuncio di una trans nuova a Chianciano, ci passavo per lavoro; sembrava giovane, anche carina, tanto che dubitavo fosse davvero una trans.. La chiamai, le chiesi appunto conferma che avesse la terza gamba e mi dette appuntamento di li a un quarto d'ora.. ero in macchina, combattuto tra la solita fuga e la nuova esperienza; mi sudavano le mani per l'agitazione.. feci un giro per controllare la zona; era un posto tranquillo, a quell'ora deserto anche se in zona centrale. Mi feci coraggio e andai da lei.
Non stavo nella pelle per la curiosità, anche se temevo fortemente non fosse la ragazza della foto ad aprirmi, spesso si prendono certe fregature.. suonai e aperta la porta ancora non sapevo se fosse lei, era nascosta dietro ed ebbi modo di vederla solo quando ormai ero dentro e la porta si era richiusa..
Sinceramente era più bella che in foto, giovane, non altissima, snella, con due pere belle tonde e sopratutto due occhi strepitosi.
Nel mentre la guardavo, sentivo il sangue che affluiva al mio uccello e lo faceva crescere. Ancora non sapevo se era una trans oppure no. Mi invitò a togliermi i pantaloni e vide che il mio cazzo era già gonfio, allora mi disse: vedo che ce l'hai già duro.. meglio, così non perdiamo tempo. A quel punto in mezzo secondo si tolse il reggiseno e gli slip, ed ebbi così modo di vedere il bellissimo pendolo che aveva tra le gambe. Mi disse: che vuoi fare? Ed io: non so, è la prima volta. Allora mi fece sdraiare sul letto e disse: vai, inizia a succhiarmelo, maiale! Si infilo il preservativo sul suo cazzo ormai duro e mi trovai con in bocca un bastone caldo e pulsante. Aveva un cazzo non troppo grosso, ma veramente bello, curvo e duro. mi prese la testa e mi spingeva sempre più il suo uccello in bocca.. devo dire che mi piaceva, e anche tanto. Poi le dissi che volevo che volevo essere reso il favore, quindi ci sdraiammo sul letto ed iniziammo uno splendido 69.
Sentivo il piacere crescere sempre più, e immaginavo il suo cazzo che mi schizzava in faccia tutto il suo sperma caldo e voglioso. Nel mentre facevo questi pensieri.. fui io a sborrare, mentre lei continuava a succhiarmelo.
Le dissi di fermarsi, sembrava una ninfomane.. Delusa da quella sborrata repentina, si sdraiò sul letto, nascondendo il suo cazzo ancora turgido tra le gambe. la guardavo estasiato, sembrava una dea..
A quel punto mi rivestii e ci salutammo, dandoci appuntamento ad un'altra volta che in effetti non tardo molto ad arrivare..

Vota la storia:




31/10/2014 06:23

Verre della chiana

come si chiama la trans? Ha l'annuncio pIbblicato qui?

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!